Il periodo che stiamo vivendo è solo uno dei tasselli del difficile puzzle che fotografa la situazione del rapporto uomo-natura, e il global warming desta grandi preoccupazioni sulla sopravvivenza della nostra specie.

Fortunatamente percepiamo una sensibilità crescente a riguardo, soprattutto tra i giovani, ma globalmente esistono ancora troppe nicchie di resistenza. 

Partendo da queste considerazioni, in questi mesi di stop ci siamo posti una domanda: oltre all’aspetto ludico, cosa può e deve raccontare il teatro oggi?
La risposta per noi è semplice: tutti abbiamo bisogno di leggerezza, di svago e di divertimento, ma al contempo abbiamo anche la necessità e il dovere di affrontare il tema che più di tutti sta mettendo a repentaglio la nostra sopravvivenza: il climate change.
Se non ci occupiamo oggi di questo delicato problema, non ci sarà un domani per ridere, piangere ed emozionarsi perché, citando il famoso slogan dei Friday’s For Future, “Non esiste un Pianeta B”!

Nasce così la nostra stagione “Live show – Arts & Green”: 8 appuntamenti con Compagnie italiane e straniere protagoniste assolute della scena creativa contemporanea, per affrontare le tematiche ambientali attraverso diversi linguaggi… uno tra tutti la musica, linguaggio universale con uno straordinario potere unificante.

E allora quale miglior modo per parlare di green se non con gli Eugenio in Via Di Gioia, con le loro canzoni dai testi ironici, ricchi di realismo scientifico e le loro sonorità? E perché non invitare anche Andrea Vico, giornalista scientifico che da anni collabora con il gruppo?

Sia la band sia Andrea hanno da subito appoggiato con entusiasmo l’iniziativa, contribuendo alla realizzazione di un evento unico nel suo genere: un vero e proprio inizio col botto per la nostra rassegna Arts & Green!

Ma “rivediamo” insieme alcuni highlights della serata:

Eugenio, Emanuele, Lorenzo e Paolo, in sella alle bici di Teatro a Pedali, il nostro format che permette l’accumulo di energia grazie alla semplice pedalata, si sono sfidati in una gara all’ultimo kilowatt.
A rendere il tutto più intrigante, e ovviamente anche faticoso, ci hanno pensato i Green Guys, un gruppo di giovani che collabora con noi dal Festival Teatro a Pedali 2021, con domande come “pensate che sia possibile vivere ad impatto 0”? “Questo periodo di pandemia ci ha insegnato anche a cogliere o invece continuiamo a seminare e basta”?

Ma gli Eugenio non hanno solo pedalato e basta!
Alle 21 è iniziato il vero e proprio show: 8 i brani suonati dalla band, intervallati da riflessioni e storytelling con il prezioso contributo di Andrea Vico.

Ovviamente non poteva mancare il quiz time per testare la preparazione di tutti i fan degli Eugenio! Qual è il mezzo più efficiente per i nostri spostamenti? Se dico “crisi climatica”, qual è la prima parola che ti viene in mente? Qual è la forma di energia più antica? Chi è l’inventore dei pannelli solari? 

E tu sapresti rispondere a tutte queste domande?
E se diventassi sindaco della tua città quale sarebbe la prima azione che compiresti per la tutela ambientale?

Il momento, condotto e arricchito magistralmente da Andrea Vico, è stato stimolante, e ovviamente molto divertente: insieme abbiamo acquisito consapevolezza in merito al cambiamento climatico e ad alcune buone pratiche che è necessario compiere verso l’adozione di uno stile di vita sempre più sostenibile.

Perché in fondo è questo il messaggio che gli Eugenio in Via Di Gioia vogliono trasmettere con la loro musica: rincorrere quella natura che possa permetterci di ritrovare valori e noi stessi, lontani dalla tecnologia, dalle email di lavoro, dai gruppi Whatsapp e i canali Telegram.

Articolo scritto da: Associazione Culturale Mulino ad Arte